COME USARE LA SPUGNA DI LUFFA

cos'è e come si usa la spugna vegetale di Luffa - guida e acquisto - rimedi naturali fai da te

Frutto di Luffa: fresco, secco, spugna

Con Luffa s’intende un genere di piante rampicanti provenienti dall’Asia, sebbene il frutto maturo venga consumato comunemente come ortaggio, sta spopolando in Italia (dove viene coltivata con successo da alcuni anni) per via della sua doppia vita.

Il genere Luffa è vasto ma a noi interessa la L. cylindrica  meglio nota anche come  Luffa aegyptiaca. L’Egitto infatti è fra i più grandi produttori di questi frutti che li esporta non come prodotti alimentari ma bensì come spugne vegetali! Infatti una volta essiccata, questa enorme zucchina si trasforma in un prezioso alleato per l’igiene di tutti i giorni, sia del nostro corpo, sia della casa, delle stoviglie, ma anche per pulire superfici più delicate come per esempio vetri e carrozzerie di automobili.

Ma perché abbiamo bisogno di questa spugna? Perché è ecologica, naturale, compostabile (basta gettarla nell’umido quando non ci serve più), ri-uttilizzabile (è  lavabile più volte in lavatrice e sfruttabile anche per diversi anni); non è di origine animale (non si danneggia nessun ecosistema marino, non si uccide alcun animale). La Luffa inoltre è economica ed ecologica e personalizzabile: resiste ai tensioattivi, resiste ai prodotti chimici per la casa e una volta tagliata e bagnata può raggiungere le forme più creative e pensabili permettendoci di realizzare moltissimi prodotti.

Come si utilizza la spugna vegetale di Luffa?

come utilizzare la spugna di luffa idee fai da te naturali Per realizzare una spugna vegetale di Luffa occorre prendere un frutto essiccato e tagliarlo nel punto di nostro interesse, a seconda della zona più o meno fitta e morbida del frutto e a seconda della forma che questo assume. Alcune zone, come per esempio la fine del frutto, sono ergonomiche e ottime per realizzare spugne che richiedono una certa facilità di presa: spugne per raschiare lo sporco ostinato o per pulire i piatti. La parte centrale invece è molto grande e permette di realizzare grosse spugne per il corpo o per grandi superifici, o fette di spugna esfolianti da utilizzare per rimuovere pelle morta o per aumentare l’azione degli scrub corpo. Se tagliamo le fibre in modo longitudinale, soprattutto nella parte più morbida, possiamo realizzare dei comodi dischetti viso, ottimi anche come struccanti. La Luffa la puoi lavare, anche in lavatrice per molte volte, non si rovina ed è pronta all’uso molto velocemente.

Non ti interessa la Luffa come spugna cosmetica? Fanne un vaso ecosostenibile per le tue erbe aromatiche, durerà più della pianta, quindi anche se ti muore la spezia (un classico per chi abita in appartamento) utilizzi lo stesso vaso!

Spugna vegetale di Luffa: dove trovarla?

spugna di luffa loofah zucca luffa L. cylindrica Luffa aegyptiaca

Vasi di Luffa

Il frutto essiccato lo puoi ottenere piantando un seme di Luffa Cylindrica, dopo 6 mesi circa la pianta morirà e il frutto essicherà in fretta, è facilmente pulibile sia dalla buccia esterna che dai semi interni ed è subito utilizzabile. Se non vuoi coltivare la pianta puoi acquistarlo già pulito e spellato, confezionato intero per darti la libertà di realizzare quante spugne vuoi della dimensione che vuoi. La spugna vegetale di Luffa intera Flower Tales è 100% italiana (Sicilia) e 100% naturale: la trovi sul nostro shop: Spugna vegetale di Luffa intera (45cm)

 

 


flower tales - cosmetica naturale fai da te
flower tales - cosmetica naturale fai da te
COMMENTA - flower tales - cosmetica naturale fai da te TORNA SU - flower tales - cosmetica naturale fai da te

Un pensiero su “COME USARE LA SPUGNA DI LUFFA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

TORNA SU - flower tales - cosmetica naturale fai da te

Warning: sizeof(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.flowertales.it/home/wp-content/plugins/bmo-expo/classes/theGallery.php on line 136